Forum CONCORDATO: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo

UtenteMessaggio / data
Ester Ferrara
Orvieto (TR)
Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
17/09/2013 14:08
In ipotesi di apertura della procedura di concordato preventivo con deposito del ricorso ed emissione del decreto di ammissione è possibile attivare azioni giudiziali (ad es. ricorso per decreto ingiuntivo)nei confronti della società ammessa al concordato preventivo non ancora omologato? Al riguardo, l'art 168, I° comma, L.F. sembrerebbe difatti vietare, a pena di nullità, di promuovere le soli azioni esecutive e cautelari (utilizzando una dizione similare a quella vigente in materia fallimentare), non chiarendo cosa debba intendersi per azioni esecutive e cautelari.

Zucchetti SG
RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
17/09/2013 20:16
Con il ricorso per decreto ingiuntivo si instaura un giudizio di cognizione a carattere sommario, e non un giudizio esecutivo; le azioni esecutive sono quelle dirette ad attuare, ossia a dare esecuzione anche contro la volontà dell'interessato, ad un titolo esecutivo instaurando, appunto, un processo esecutivo che è preceduto dal precetto e che inizia con il pignoramento; il nostro codice di procedura civile distingue tre tipi di processo esecutivo: l'espropriazione forzata, l'esecuzione per consegna o rilascio e l'esecuzione di obblighi di fare o di non fare. Nel primo si procede alla liquidazione coattiva di uno o più beni del debitore al fine di ottenere il pagamento di un diritto di credito; negli altri, invece, si procede alla soddisfazione in forma specifica imponendo all'obbligato di consegnare un bene mobile o rilasciare un bene immobile, ovvero di adempiere ad una obbligazione di fare o di non fare. L'azione cautelare comprende una serie di attività tutte, più o meno, connotate dall'esigenza di approntare una tutela per un soggetto in attesa di un giudizio definitivo (tipico è il sequestro preventivo di beni per garantire un credito in corso di accertamento) o mantenere un bene in posizione di sicurezza in attesa che si definiscano eventuali controversie riguardanti lo stesso (ad es. il sequestro giudiziario).
Di conseguenza, quando la legge vieta l'esercizio di azioni esecutive o cautelari, non impedisce l'esercizio di quelle di cognizione; queste non possono essere promosse nel fallimento perché qui vige il principio della esclusività dell'accertamento del passivo, per il quale qualsiasi pretesa che si voglia far valere sui beni acquisiti all'attivo, deve essere azionata secondo il rito di cui agli artt. 92 e segg., ma nel concordato preventivo, ove non vi è lo spossessamento del debitore né vi è un giudizio di accertamento dei crediti, nulla impedisce al creditore di agire in via di cognizione ordinaria o sommaria/monitoria per l'accertamento del suo credito, fermo restando che, una volta ottenuto un titolo giudiziario, pur se esecutivo o provvisoriamente esecutivo, non lo potrà portare in esecuzione per il divieto di cui all'art. 168. Questo riduce di molto la potenzialità dell'intervento del giudice di cognizione in pendenza del concordato e, anzi, potrebbe tramutarsi in una spesa inutile; invero, poiché il debitore concordatario deve elencare i propri debiti, egli potrebbe riconoscere il credito in questione rendendo superfluo il ricorso al giudice, che rimane utile e necessario solo quando permane la contestazione, ma in quel caso è opportuno un giudizio a cognizione piena e non sommaria.
Zucchetti SG Srl

Giuseppe de Filippo
IVREA (TO)
RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
28/11/2013 10:53
Segnalo alcune pronunce dal sottoscritto emesso nella sua qualità di GOT ad Aosta ed edite sul sito ilcaso.it così come risulta un'interessante e recentissima pronuncia del tribunale di Siracusa sempre edita su ilcaso.it

Cordialmente

Zucchetti SG
RE: RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
29/11/2013 18:32
Grazie della segnalazione.
Zucchetti SG Srl

Carmine Rossi
Verona
RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
02/07/2015 19:39
buona sera.
intanto Vi ringrazio per il prezioso contributo che offrite... sono un assiduo lettore del Vostro forum anche se è solo la prima volta che intervengo per cui mi scuso se non sono nella discussione più in tema .
la domanda che pongo è forse banale.
la società Alfa in bonis è procedente in una esecuzione immobiliare nei confronti della società Beta.
Pendente la procedura esecutiva, Alfa viene ammessa al concordato con cessione dei beni in seguito omologato con nomina del liquidatore giudiziale
quale ruolo assume il liquidatore giudiziale ? ... deve svolgere un intervento in senso tecnico ? deve semplicemente costituirsi nella procedura espropriativa e far valere la sua legittimazione quale "responsabile" dell'attivo in modo che la distribuzione avvenga a "suo" favore e non dell'imprenditore ? deve subentrare in luogo della società in bonis?
è applicabile il comb disp 182 V co e 107 VI co che però pare riferirsi esclusivamente alle esecuzioni sui beni del fallito ?
vi ringrazio sin da ora e vi saluto cordialmente

Zucchetti SG
RE: RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
02/07/2015 20:41
Come lei ricorda, l'art. 182 richiama per il concordato anche l'art. 107 che, al sesto comma, prevede che "se alla data di dichiarazione di fallimento sono pendenti procedure esecutive, il curatore puo' subentrarvi". Ovviamente questa norma è dettata per il fallimento, ma il richiamo contenutto nell'art. 182 la estende anche al concordato e in particolare alla fase liquidatoria del concordato, in quanto compatibile; la compatibilità è data dal fatto che con l'omologa del concordato preventivo con cessione dei beni, il debitore proprietario dei beni e dei diritti costituenti il patrimonio ceduto perde la disponibilità degli stessi, che passa appunto al liquidatore (salvo i casi della cessione traslativa diretta ai creditori, di rara applicazione per ragioni fiscali), esattamente come avviene con la dichiarazione di fallimento. Di conseguenza, se fino alla omologa il debitore conservava la disponibilità dei suoi beni, seppur sotto il controllo del commissario, e manteneva quindi la relativa legittimazione processuale, intervenuta l'omologa e la nomina del liquidatore, è questi che assume la legittimazione processuale attiva e può subentrare nella procedura esecutiva in corso promossa originariamente dal debitore. Ovviamente l'attivo che il liquidatore ricaverà dall'esecuzione entra tra i "beni" ceduti ai creditori e va riparto tra costoro secondo la proposta e il piano presentati.
Zucchetti SG Srl


Documenti rilevanti, selezionati da IL CASO.it:
Cassazione civile, sez. I 07 luglio 2015
Tribunale Padova 08 gennaio 2015
Tribunale Milano 19 luglio 2011
Tribunale Pesaro 05 dicembre 2013
Tribunale Isernia 27 febbraio 2015
Tribunale Bologna 14 ottobre 2014
Cassazione civile, sez. I 27 ottobre 2006
Cassazione civile, sez. I 27 ottobre 2006
Cassazione civile, sez. I 14 marzo 2014
Tribunale Padova 04 dicembre 2013
Tribunale Ravenna 21 marzo 2014
Tribunale Udine 28 febbraio 2013
Tribunale Messina 08 maggio 2012
Tribunale Vicenza 24 ottobre 2012
Tribunale Vicenza 11 maggio 2012
Cassazione civile, sez. I 15 settembre 2011
Cassazione civile, sez. I 15 luglio 2011
Cassazione civile, sez. I 23 giugno 2011
Cassazione civile, sez. I 20 gennaio 2011
Tribunale Roma 23 luglio 2010
Cassazione civile, sez. I 12 maggio 2010
Cassazione Sez. Un. Civili 15 luglio 2009
Cassazione civile, sez. IV, lavoro 10 febbraio 2009
Tribunale Reggio Emilia 18 aprile 2012
Tribunale Terni 26 aprile 2012
Appello Firenze 14 giugno 2012
Appello Milano 14 gennaio 2011
Tribunale Monza 10 luglio 2012
Tribunale Monza 10 luglio 2012
Cassazione civile, sez. I 18 gennaio 2013
Tribunale Benevento 10 ottobre 2012
Tribunale Benevento 10 ottobre 2012
Tribunale Benevento 10 ottobre 2012
Tribunale Bassano del Grappa 28 maggio 2013
Tribunale Bassano del Grappa 28 maggio 2013
Cassazione Sez. Un. Civili 16 luglio 2008
Cassazione Sez. Un. Civili 16 luglio 2008
Cassazione Sez. Un. Civili 16 luglio 2008
Cassazione Sez. Un. Civili 16 luglio 2008
Tribunale Prato 30 aprile 2014
Tribunale Prato 30 aprile 2014
Tribunale Modena 11 giugno 2014
Tribunale Milano 12 giugno 2014
Tribunale Milano 12 giugno 2014
Cassazione civile, sez. I 31 gennaio 2014
Cassazione civile, sez. I 18 giugno 2008
Tribunale Pordenone 22 ottobre 2008
Tribunale Mantova 15 luglio 2008
Cassazione Sez. Un. Civili 16 luglio 2008
Tribunale Milano 21 gennaio 2010
Tribunale Milano 21 gennaio 2010
Tribunale Pistoia 31 marzo 2010
Tribunale Novara 06 giugno 2011
Tribunale Milano 28 ottobre 2011
Tribunale Siracusa 11 novembre 2011
Tribunale Mantova 15 dicembre 2005

Pietro Mazzoletti
Brescia
RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
01/12/2015 10:53
mi ricollego alla discussione, anche se datata, in quanto mi trovo un caso simile.

Concordato omologato in data 20.05.2015.
Un creditore, in data SUCCESSIVA all'omologa, convocava la società debitrice (soggetta alla procedura) avanti alla Camera di conciliazione al fine di ottenere il pagamento del credito vantato (nella fattispecie, spese condominiali ante concordato).
La Società non si presentava.
Il creditore, contattato poi dal Liquidatore Giudiziale, non procede con all'atto di citazione in giudizio, chiedendo tuttavia l'addebito alla procedura delle spese legali della conciliazione.

Come devono essere considerate queste spese (inutili, in quanto il debito era inserito nel piano di concordato e come tale pagato in sede di riparto)?
a) rigettate, essendo le spese legali sostenute per una procedura inizata dopo la data della domanda e quindi le stesse spese restano a carico del creditore;
b) in chirografo in quanto spese accessorie al credito principale;
c) in prededuzione perche' successive alla data della domanda.

Ringrazio in anticipo per l'attenzione e per il vostro prezioso contributo.

Zucchetti SG
RE: RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
01/12/2015 19:29
Il credito in questione non può essere riconosciuto per il semplice fatto che il credito per il cui recupero l'attuale pretendente ha azionato il procedimento di mediazione non era in contestazione in quanto incluso nell'elenco dei crediti e non messo in discussione né dal commissario né dal liquidatore. tale soggetto, quindi, era carente di interesse a svolgere detta attività che avrebbe dovuto portare ad un accordo o ad una decisione sul credito non contestato. Probabilmente il creditore si è accorto di tanto e, per questo motivo, non ha poi agito in sede giudiziaria, ove si sarebbe discuso del credito e sarebbero state liquidate le spese, oltre eventualmente alla comminazione della sanzione ex art. 8, comma 4bis del d.lgs d.lgs. 04/03/2010 n. 28.
Zucchetti SG srl

Roberto Ricci
massa (MS)
RE: RE: RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
19/05/2016 17:39
In relazione all'argomento in oggetto, vi pongo un quesito al quale spero potrete dare risposta.
Società in concordato preventivo con domanda in bianco presentata in data 12.06.2013. Procedura di concordato liquidatorio aperta in data 07.11.2013 e omologata in data 15.05.2014.
In data 01.08.2013 e 28.11.2013, sono stati notificati alla società due distinti decreti ingiuntivi da parte di due istituti di credito. L'amministratore della società ha impugnato, senza chiedere nè ottenere alcuna autorizzazione dagli organi della procedura, i due decreti ingiuntivi rispettivamente in data 19.10.2013 e 07.01.2014.
Le spese che oggi venissero richieste alla società (CTU, CTP e avvocato della parte chiamata in causa, CTP e avvocato nominati dal legale rappresentante senza alcuna autorizzazione, possono essere richieste alla procedura che non ha autorizzato la causa?
Nel caso in cui alla procedura non derivasse un concreto vantaggio o derivasse addirittura un nocumento da tali cause (a fronte della riduzione in lieve misura del credito chirografario delle banche la procedura potrebbe essere chiamata a rispondere di tutte o parte delle spese suddette per un importo che potrebbe eccedere l'importo del vantaggio derivante dalla riduzione del credito cirografario), gli organi della procedura potrebbero agire per risarcimento nei confronti dell'amministratore unico? Per costui potrebbero verificarsi altre conseguenze negative?
Grazie della risposta.

Zucchetti SG
RE: RE: RE: RE: RE: Azioni giudiziali in pendenza di concordato preventivo
22/05/2016 18:54
Nella specie il debitore ha proposto due opposizioni a due decertei ingiuntivi, una in pendenza del termine di cui al sesto comma dell'art. 161 el'altra dopo l'apertura della procedura di concordato pieno, ma prima dell'omologa.
Né per la fase del pre concordato né in quella del concordato si parla di autorizzazione del giudice per stare in giudizio, a differenza di quanto prevede l'art. 25 nel fallimento, il che si spiega agevolmnete con in fatto che nel fallimento la disponibilità dei beni passa al curatore, e unitamente a questa passa anche la capacità processuale, come disposto dall'art. 43, nel mentre nel concordato e, a maggior ragione, nel pre concordato, il debitore mantiene la disponibilità dei beni, seppur sotto la vigilanza del pre commissario o del commissario, ma non subisce alcuna limitazione della capacità processuale, che rimane integra in capo a lui per le controversie che attengono al suo patrimonio e alla gestione dell'impresa; anzi la Cassazione ha ammesso il mantenimento della capacità processuale anche dopo l'omologa e la nomina del liquidatore. Ricordiamo Cass. 25/02/2008, n. 4728, che ha così statuito: "Il debitore ammesso al concordato preventivo subisce uno «spossessamento attenuato», in quanto conserva, oltre ovviamente alla proprietà (come nel fallimento), l'amministrazione e la disponibilità dei propri beni, salve le limitazioni connesse alla natura stessa della procedura, la quale impone che ogni atto sia comunque funzionale all'esecuzione del concordato. In particolare, nel concordato con cessione dei beni, la legittimazione a disporne viene attribuita al commissario liquidatore, che agisce in una veste generalmente qualificata come di mandatario dei creditori, mentre il debitore in ogni caso mantiene (oltre che la proprietà dei beni) la legittimazione processuale, mancando nel concordato una previsione analoga a quella dettata dall'art. 43 l. fall. per il fallimento".
Né sono di aiuto alla fattispecie il settimo comma dell'art. 161, che consente al debitore in pre concordato di compiere liberamente gli atti di ordinaria amministrazione, né il secondo comma dell'art. 167, che pone lo stesso principio per la fase concordataria, perché entrambe le norme si riferiscono all'attività sostanziale e non a quella processuale. Ad ogni modo, se volesse da queste norme trarre qualche spunto, si vedrebbe che l'art. 167 chiede l'autorizzazione del giudice delegato per la rinuncia alle liti o per le transazioni, ma non parla di autorizzazione per agire o resistere in giudizio.
L'effetto della prededuzione è una conseguenza della legittimità dell'atto compiuto, come del resto espressamente statuisce l'art. 161 per gli atti di ordinaria amministrazione, che, seppur non abbisognano di autorizzazione, determinao prededuzioni.
Zucchetti Sg srl