Forum FALLIMENTI - Passivo e Rivendiche: pagamento credito in prededuzione

UtenteMessaggio / data
Roberto Marcianesi
Milano
pagamento credito in prededuzione
12/02/2018 16:27
Buonasera,
con la presente sono a sottoporre alla Vostra cortese attenzione il seguente quesito.
Prima di venire dichiarata fallita, la societÓ in bonis in associazione temporanea con altre imprese (ATI) stipulava un contratto avente ad oggetto la redazione di un progetto preliminare di un impianto di depurazione.
Prima della dichiarazione di fallimento la societÓ depositava domanda di concordato, il quale veniva omologato.
Il progetto preliminare prevedeva che la fallita percepisse il 52,37% del fatturato e i mandanti il 47,63%.
A seguito del completamento dei lavori, portati a termine durante il periodo in cui la societÓ era in concordato preventivo, la societÓ falliva e venivano incassate le somme dovute, comprensive degli importi spettanti ai mandanti.
Successivamente i mandanti chiedevano che gli venisse corrisposto l'importo dovuto e, a seguito di apposita istanza presentata dal sottoscritto, il Giudice Delegato della Procedura ha autorizzato il pagamento suddetto.
I mandanti non hanno per˛ depositato istanza di ammissione al passivo e pertanto tale importo (non esiguo) non non sarÓ presente nello stato passivo.
Secondo Voi devo inserire tale importo nello stato passivo oppure no? e come devo procedere ?
Nel ringraziarVi anticipatamente, porgo cordiali saluti.

Zucchetti SG
RE: pagamento credito in prededuzione
12/02/2018 20:49
Il pagamento Ŕ stato evidentemente autorizzato dal giudice delegato in quanto considerato credito prededucibile non contestato. In mancanza di contestazione i creditori in prededuzione non sono tenuti a presentare domanda di insinuazione per i crediti sorti in pendenza del fallimento, giusto il disposto del comma terzo dell'art. 111bis. Nel caso i lavori sono stati eseguiti nel corso del concordato, ma il pagamento da parte dell'ente appaltante, se abbiamo ben capito, Ŕ avvenuto dopo la dichiarazione di fallimento ed Ŕ da questo momento che nasce il diritto delle mandanti a pretendere dalla mandataria dell'ATI la quota di loro competenza.
Zucchetti Sg srl