forum fallimenti - concordato

CONCORDATO E SUCCESSIVO FALLIMENTO - CREDITI PREDEDUCIBILI

  • Messaggio
  • Fabrizio Oronti

    Sassari 12/07/2018 16:34

    CONCORDATO E SUCCESSIVO FALLIMENTO - CREDITI PREDEDUCIBILI

    Spett.le Zucchetti,
    un concordato preventivo in continuitā č stato risolto con conseguente dichiarazione di fallimento. In relazione ai crediti sorti durante la gestione del concordato e non ancora saldati, č necessario che venga presentata domanda di ammissione allo stato passivo o possono essere pagati in quanto prededucibili?
    Grazie per l'attenzione.

    Distinti saluti
    Fabrizio Oronti

    • Zucchetti SG

      12/07/2018 19:55

      RE: CONCORDATO E SUCCESSIVO FALLIMENTO - CREDITI PREDEDUCIBILI

      E' necessaria l'insinuazione in quanto il terzo comma dell'art. 111bis stabilisce che "I crediti prededucibili sorti nel corso del fallimento che sono liquidi, esigibili e non contestati per collocazione e per ammontare, possono essere soddisfatti ai di fuori del procedimento di riparto se l'attivo e' presumibilmente sufficiente a soddisfare tutti i titolari di tali crediti. Il pagamento deve essere autorizzato dal comitato dei creditori ovvero dal giudice delegato".
      Sa tanto si desume che i crediti prededucibili che non sono sorti nel corso del fallimento, ma, come nel suo caso, nel corso di una procedura minoore che ha preceduto il fallimento, non possono essere pagati fuori riparto e, quindi, vanno insinuati al passivo, costituendo lo stato passivo il presupposto del riparto.
      Zucchetti Sg srl