Forum ASTE TELEMATICHE - PORTALE DELLE VENDITE PUBBLICHE

OBBLIGO PUBBLICAZIONE SUL PORTALE VENDITE PUBBLICHE

  • STEFANO CARLI

    RIMINI
    04/09/2018 18:58

    OBBLIGO PUBBLICAZIONE SUL PORTALE VENDITE PUBBLICHE

    Si chiede se per una procedura competitiva di vendita nell'ambito di un fallimento effettuata in via tradizionale ex art 107 1 comma l.f mediante il deposito a mano delle offerte presso uno studio notarile sia obbligatoria o meno la pubblicazione sul portale delle vendite pubbliche.
    Da una prima lettura dell'articolo 107 1 c l.f mi pare che la pubblicazione sia obbligatoria anche in questo caso in quanto l'obbligo prescinde dalle modalita di vendita (telematica o non telematica ) chiedo però una conferma o meno di tale interpretazione essendomi pervenute anche indicazioni contrastanti.
    Distinti saluti
    Dott. Carli Stefano
    • Zucchetti SG

      05/09/2018 16:42

      RE: OBBLIGO PUBBLICAZIONE SUL PORTALE VENDITE PUBBLICHE

      L'interpretazione del dato normativo proposto nella domanda è corretta.
      La disciplina della pubblicità degli avvisi di vendita sul Portale, infatti, interessa allo stesso modo sia le esecutive che le vendite fallimentari, a prescindere dal modello individuato nel programma di liquidazione (art. 107 comma primo o secondo l.fall.) Ciò si ricava dal fatto che il d.l. 83/2015 ha modificato proprio il primo comma dell'art. 107 l.fall., aggiungendovi un ultimo capoverso, secondo il quale "In ogni caso, al fine di assicurare la massima informazione e partecipazione degli interessati, il curatore effettua la pubblicità prevista dall'articolo 490, primo comma, del codice di procedura civile, almeno trenta giorni prima dell'inizio della procedura competitiva".
      Ricordiamo, per completezza, che analoga previsione si rinviene nell'art. 182, comma primo, a proposito delle vendite eseguite in sede concordataria dal liquidatore.
      La norma, dunque, impone la pubblicazione dell'avviso di vendita tanto nelle ipotesi di vendite competitive, quanto in quelle in cui la vendita si celebri secondo le norme del codice di procedura civile.
      Chiaramente, anche per le vendite fallimentari troveranno applicazione, in quanto compatibili, le disposizioni di cui all'art. 161-quater disp. att. c.p.c., nel senso che la pubblicità andrà eseguita secondo le specifiche tecniche, e previo pagamento del contributo di pubblicazione previsto dall'art. 18-bis d.P.R. 30.5.2002, n. 115.
      Non opera invece in ambito fallimentare l'art. 631 bis c.p.c., il quale prevede che la procedura esecutiva si estingua in caso di omessa pubblicazione dell'avviso di vendita sul portale per causa imputabile al creditore procedente o ai creditori intervenuti muniti di titolo esecutivo poiché si tratta di disposizione specificamente coniata per le esecuzioni individuali.