Forum FALLIMENTI - RIPARTI

MASSE FALLIMENTO DA REVOCA CONCORDATO PREVENTIVO

  • Giovanni Francescon

    TREVISO
    15/11/2019 09:43

    MASSE FALLIMENTO DA REVOCA CONCORDATO PREVENTIVO

    Buongiorno.
    Una procedura di concordato preventivo è sfociata in un fallimento per risoluzione dopo diversi anni.
    Mi chiedo come ci si debba comportare, a livello di masse mobiliari/immobiliari nel riparto del fallimento, in relazione alle spese di procedura già sostenute dal precedente liquidatore giudiziale durante il concordato.
    In sostanza, le spese già sostenute durante il concordato preventivo relative ad un immobile vanno considerate di carattere immobiliare (e quindi occorre ripercorrere l'attività del liquidatore giudiziale ed attribuire una imputazione ad ogni su atto) o con il fallimento 'si azzera il passato' (come avviene per qualsiasi 'normale' fallimento) e si parte dalla liquidità netta ottenuta considerandola massa mobiliare ed imputando agli immobili solo le spese sostenute dal curatore nella fase successiva alla risoluzione?
    E' evidente che nel secondo caso vengono favoriti i creditori ipotecari immobiliari, che vedono gravati gli immobili di spese specifiche inferiori (rispetto al riparto che avrebbe eseguito il liquidatore giudiziale).
    Grato di una risposta saluto cordialmente.
    GF
    • Zucchetti SG

      18/11/2019 20:08

      RE: MASSE FALLIMENTO DA REVOCA CONCORDATO PREVENTIVO

      Nel momento in cui si ammette che le spese della procedura concordataria sono prededucibili nel successivo fallimento, diventa necessario dividere queste spese in specifiche e generali e attribuirle secondo quanto dispone l'art. 111 ter l. fall. Ovviamente vi è la difficoltà di una esatta imputazione non avendo tenuto il precedente liquidatore i conti speciali, ma le imputazione delle entrate e delle uscite comunque sono state fatte e il curatore dovrà ricostruire ciò che è accaduto dato che il passato si riverbera nel presente con la prededucibilità degli esborsi.
      Zucchetti SG srl