Forum FALLIMENTI - CHIUSURA PROCEDURA

Chiusura snc in bonis

  • Maria Cristina Bongiorno

    Milano
    19/12/2018 21:53

    Chiusura snc in bonis

    Ho chiuso il fallimento della società e delle socie fallite (anziane) con il pagamento integrale di tutti i creditori, ci sono adempimenti particolari rispetto alla chiusura di una società fallita? Devo o no cancellare la società dal registro imprese o semplicemente comunicare la chiusura alle socie affinché, se ritengono, provvedano loro? Non credo che intendano riprendere l'attività e, per evitare qualsiasi mia responsabilità futura, opterei per la cancellazione, con i fondi residui che, poi, restituirò alla socie.
    Attendo cortesi delucidazioni, grazie.
    • Zucchetti SG

      20/12/2018 18:56

      RE: Chiusura snc in bonis

      Il secondo comma dell'art. 118 l.f. dispone che il curatore chieda la cancellazione della società dal registro delle imprese solo nei casi di chiusura del fallimento ai sensi dei numeri 3 e 4),sicchè nella fattispecie da lei esposta in cui i creditori sono stati tutti pagati (ipotesi di cui ai numeri 1) e 2) del primo comma) tale obbligo non sussiste a carico dei curatore, giacchè i soci, tronati in bonis potrebbero optare per la continuazione dell'attività e, se non intendono farlo, è una loro scelta e saranno pertanto loro a deliberare lo scioglimento, senza liquidazione perché già effettuata.
      In considerazione dell'età avanzata delle socie e della conoscenza della loro intenzione di non continuare l'attività lei si propone di cancellare lei la società, ma è meglio non farlo perché la legge non lo prevede e comunque le socie potrebbero cambiare idea o cedere le loro quote o altro.
      Zucchetti SG srl
      • Maria Cristina Bongiorno

        Milano
        07/01/2019 20:44

        RE: RE: Chiusura snc in bonis

        Devo però precisare che la chiusura è stata dichiarata dal tribunale ex art. 118,n. 3. LF, per avvenuta ripartizione dell'attivo; infatti, tutti i crediti ammessi al passivo sono stati soddisfatti mediante riparto parziale e finale (oltre che "rottamazione" fiscale) e le spese della procedura via via integralmente pagate.
        Tra l'altro, l'art. 118, n. 2, LF recita "anche prima che sia compiuta la ripartizione finale" (e non "prima che sia compiuta la ripartizione finale"), per cui il mio dubbio è il seguente: si tratta di una chiusura ex art. 113, n. 2, LF (e devo chiedere la correzione del decreto di chiusura)o, in effetti, di una chiusura ex art.118, n. 3, LF?
        Grazie.
        • Zucchetti SG

          08/01/2019 20:35

          RE: RE: RE: Chiusura snc in bonis

          Se sono stati pagati integralmente i creditori ammessi al passivo, sia con riparti parziali che con il riparto finale e in qualunque modo (transazioni, pagamenti da parte di terzi, ecc.) e sono state soddisfatte anche le predeuzioni, la chiusura del fallimento va disposta ai sensi del n. 2 dell'art. 118 l.f., con le conseguenze descritte nella precednete risposta. Se invece viene distribuito l'intero attivo disponibile senza che i creditori siano soddisfatti integralmente ricorre l'ipotesi di cui al n. 3 dell'art. 118.
          Zucchetti SG srl
          • Maria Cristina Bongiorno

            Milano
            07/12/2019 12:38

            RE: RE: RE: RE: Chiusura snc in bonis

            Torno sulla questione perché, invece, il tribunale ha chiuso il fallimento ex art. 118, co. 1, n. 3, l.f., nonostante avessi indicato nella mia istanza che i crediti erano stati, integralmente, pagati; in cancelleria mi hanno spiegato che la chiusura del n. 2 riguarda altre ipotesi di pagamento/rinuncia dei creditori, al di fuori del riparto; di conseguenza, ho cancellato la società.
            Adesso le socie (utraottantenni!) hanno depositato il ricorso per esdebitazione; al momento ho solo la comunicazione di cancelleria e non mi è stato notificato nulla.
            Vi chiederei: è il caso che chieda una modifica del decreto di chiusura per errore materiale se, nel caso, la società è stata comunque cancellata?
            O aspetto di sapere cosa mi chiedono per l'esdebitazione?.
            Il tutto considerando che non sono più il curatore del fallimento ormai chiuso.
            Grazie.

            • Zucchetti SG

              09/12/2019 19:58

              RE: RE: RE: RE: RE: Chiusura snc in bonis

              Astrattamente il decreto di chiusura del fallimento è correggibile in presenza di errori materiali, visto che il procedimento per correzione di errore materiale è applicabile anche ai decreti (e ciò a tacere del fatto che qualche autore equipara fica tale provvedimento alle sentenza, nonostante la lettera della norma di cui all'art. 119 l. fall.. Tuttavia nel caso vi sono almeno due ostacoli: uno è dato dal dubbio sulla effettiva qualificazione dell'errore come materiale ed in realtà, alla luce delle spiegazioni che le hanno dato in cancelleria sembrerebbe che il tribunale volesse proprio disporre nel senso che emerge, per cui, se la chiusura del fallimento ai sensi del n. 3 del primo comma dell'art, 118 è un errore- e sulla base dei dati da lei indicati, sembra proprio che lo sia- sarebbe un errore di diritto, da emendare con l'impugnazione, probabilmente non più possibile. Altro dubbio riguarda la legittimazione del curatore, perché, a norma dell'art. 287 cpc, il procedimento per errore materiale può essere promosso dalla parte eil curatore , ammesso che fosse parte in pendenza del fallimento, certamente non lo è più chiuso il fallimento e divenuto definitivo il decreto di chiusura.
              Non vediamo quindi cosa possa fare ora. Probabilmente sarà sentito dal tribunale nel procedimento per esdebitazione perché così prevede l'art. 143 l.fall., ma il tribunale potrebbe anche omettere la sua audizione risultando dalle carte l'integrale pagamento dei creditori e l'età avanzata delle richiedenti.
              Zucchetti SG srl