ALTRO - Revocatorie

revocatoria

  • Domenico Mauro Alloro

    IMPERIA
    21/11/2019 09:27

    revocatoria

    Le cambiali che la società fallita ha ricevuto da terzi e poi girato a fornitori ante fallimento, ma con scadenze post fallimento sono revocabili quale mezzo non normale di pagamento se poi il terzo le paga?
    Grazie
    Mauro Alloro
    • Zucchetti SG

      21/11/2019 18:49

      RE: revocatoria

      No. Se le cambiali sono pagate dal terzo in quanto obbligato, il fallimento non subisce alcun pregiudizio, per cui non è configurabile una revocatoria, tanto più che si tratterebbe di atto successivo al fallimento.
      Per la precisione, i pagamenti effettuati prima della dichiarazione di fallimento, sebbene a mezzo cambiali emesse da un terzo, non costituiscono pagamento del terzo ma adempimento diretto del debitore, come tale revocabile nel concorso di tutti i necessari presupposti, ai sensi del secondo comma dell'art. 67 l.f..
      Se il pagamento delle cambiali con scadenza successiva al fallimento fosse fatto dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento, questo sarebbe inefficace ai sensi dell'art. 44 l. fall., ma se fatto da terzi, con suoi denari, bisognerà vedere se questi avanzerà poi pretese nei confronti del fallimento, perché in tal caso il pagamento dovrebbe ritenersi essere stato eseguito dal fallito. Avevamo detto nella precedente risposta che è difficile che il terzo chieda qualcosa al fallimento perché chi paga non è un terzo che voglia intervenire a sostegno del fallito, ma è un obbligato cambiario e, per la precisione l'emittente, ossia il primo e principale obbligato; in questa ottica avevamo scritto a chiusura della precedente risposta che se le cambiali sono pagate dall'emittente, "il pagamento è ben fatto, e dovrà vedere che atteggiamento assumerà l'emittente nei confronti del fallimento".
      Zucchetti SG srl