Forum FALLIMENTI - COMPOSIZIONE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Progetto stato passivo - Liquidazione patrimonio

  • Francesco Bassani

    MANTOVA
    30/01/2019 10:09

    Progetto stato passivo - Liquidazione patrimonio

    Buongiorno, in qualità di liquidatore, devo inviare ai creditori il progetto di stato passivo in una procedura di liquidazione da sovraindebitamento ex articolo 14-octies L. 3/2012. Ho un dubbio se devo includere nello stato passivo solo i creditori che hanno presentato la domanda di partecipazione ex Articolo 14-septies. Alcuni creditori non hanno presentato la domanda ma si sono limitati a notificare al debitore in un caso lettere di sollecito e nell'altro un preavviso di fermo amministrativo dell'auto, ma nonostante i miei inviti a presentare la domanda di partecipazione alla liquidazione, non hanno mai adempiuto. A questi creditori che non hanno presentato la domanda, nel caso non li includessi nello stato passivo, non devo nemmeno inviarglielo?
    Grazie
    • Zucchetti SG

      30/01/2019 20:11

      RE: Progetto stato passivo - Liquidazione patrimonio

      Nella procedura di liquidazione da sovraindebitamento, la verifica del passivo prende l'avvio con la comunicazione da parte del liquidatore dell'avviso ai creditori e ai titolari di diritti reali e personali sui beni immobili e mobili in possesso o nella disponibilità del debitore, così come dispone l'art. 14 sexies legge n. 3 del 2012 che riprende sul punto l'art. 92 l.fall., con la differenza che, mentre nel fallimento è il tribunale che, con la sentenza dichiarativa, fissa il giorno dell'udienza e, quindi, il termine per la presentazione delle domande, nel caso, mancando una udienza di verifica, è lo stesso liquidatore che, con la citata comunicazione, indica il termine per la presentazione delle domande di partecipazione alla liquidazione.
      Già questo invito induce a ritenere che il legislatore abbia voluto rispettare il principio della domanda, nel senso che, se il liquidatore è tenuto a fare una comunicazione ai creditori e terzi interessati con l'indicazione che "possono partecipare alla liquidazione depositando o trasmettendo, anche a mezzo di posta elettronica certificata e purche' vi sia prova della ricezione, la domanda di partecipazione che abbia il contenuto previsto dall'articolo 14-septies, …" (art. 14 sexies, co. 1, lett. a), e se il successivo art. 14septies elenca il contenuto che deve avere la domanda di insinuazione, vuol dire che il liquidatore può e deve esaminare soltanto le domande depositate o trasmesse con le modalità accennate e decidere nel rispetto delle domande formulate, altrimenti le disposizioni richiamate sarebbero prive di significato.
      Queste, infatti, riproducono il meccanismo dell'accertamento del passivo tipico del fallimento, per poi discostarsene nei passaggi successivi in cui prevale il meccanismo della liquidazione coatta, dato che è il liquidatore a formare lo stato passivo e a comunicarlo agli interessati assegnando loro un termine di quindici giorni per le eventuali osservazioni da presentare, con gli sviluppi indicati nell'art. 14octies. Rimane comunque il fatto che, nella fase iniziale della verifica- che qui interessa per rispondere alla sua domanda- le disposizioni sul sovraindebitamento riecheggiano, come visto quelle del fallimento e non quelle della liquidazione coatta, ove l'art. 207 prevede la comunicazione ai creditori e terzi solo delle somme risultanti a credito di ciascuno secondo le scritture contabili e i documenti dell'impresa e gli interessati possono far pervenire osservazioni, ma manca l'invito a presentare una domanda di insinuazione né vi è una norma che ne elenchi il contenuto, dopo di che il commissario forma l'elenco dei creditori.
      Orbene alla luce dell'esposto sistema, a noi sembra che il liquidatore della procedura ex art. 14ter legge n. 3 del 2012, sempre che abbia fatto la comunicazione di cui si è detto, debba scrutinare soltanto le domande pervenute e predisporre lo stato passivo sulla scorta delle stesse, dopo di che fa la comunicazione di cui all'art. 14 octies ai soli creditori che hanno presentato una domanda, perché solo questi possono essere ritenuti "interessati", come si esprime la norma.
      Zucchetti Sg srl
      • Fosco Bartolucci

        Fermignano (PU)
        03/03/2019 12:24

        RE: RE: Progetto stato passivo - Liquidazione patrimonio

        Buongiorno.
        Io ho un caso in cui il creditore istituto di credito ipotecario di primo grado su immobile, destinatario di quasi l'intero ricavato della procedura di liquidazione, non ha affatto presentato la domanda di ammissione ancorchè notiziato via pec della "possibilità" di depositarla ex art. 14-sexies L. 03/12; come ci si deve comportare ?
        Dott. Fosco Bartolucci
        • Zucchetti SG

          04/03/2019 11:06

          RE: RE: RE: Progetto stato passivo - Liquidazione patrimonio

          Faccia un sollecito al creditore ipotecario avvertendolo che, in mancanza di domanda, provvederà alla liquidazione del bene e a distribuire il ricavato agli altri creditori. E' probabile infatti che ci sia stato un disguido per chè sarebbe anormale che quel creditore si estraniasse dalla liquidazione.
          Zucchetti S G srl